Fratelli Rabino

“l’uomo di città ha una grande nostalgia della vigna, di calpestare un po’ di terra, di correre lungo un filare, forse non può, ha i tram e i grattaceli, però se c’è un eccesso di automobili, di superstrade è perché dalla città c’è bisogno di espandersi, di andare in campagna, di calpestare un po’ di terra, di sentire la fragranza del fiore e il verde della vigna…”. La parte più bella di ogni viaggio è il ritorno, quando ad aspettarti trovi nuovi fiori, nuovi profumi, nuovi colori, grappoli che crescono, e vigne che ti nutrono.